IMG_0356

“Se fra voi c’è qualcuno che si sente abbastanza matto da voler diventare scrittore, gli consiglio va’ avanti, sputa in un occhio al sole, schiaccia quei tasti, è la migliore pazzia che possa esserci, i secoli chiedono aiuto, la specie aspira spasmodicamente alla luce, e all’azzardo, e alle risate. Regalateglieli. Ci sono abbastanza parole per noi tutti”.
C. Bukowski

L’isola è un approdo ma anche un luogo per ripartire, per farlo bisogna aspettare il buon vento e poi lasciarsi andare perché questo è il tuo viaggio.

Bisogna mettersi in gioco, trovare il proprio ritmo alla scoperta dell’ambiente e dei personaggi.

Il racconto verrà da sé …

“Ed io tel narro” (Odissea – Libro IX)

Non è un laboratorio e nemmeno un classico corso di scrittura ma uno stimolo per esprimersi liberamente alla ricerca del proprio vento.

7 giorni che lasceranno un segno nella tua vita perché sei stato/stata tu a raccontarli.

Nei nostri incontri

1. Mattinate con brevi passeggiate in luoghi di particolare bellezza, tappe per prendere brevi  appunti  che poi serviranno per la scrittura e poi, il resto della mattina sarà libero, ciascuno seguirà il proprio cammino alla scoperta, nello spazio e nel silenzio, delle proprie storie e delle proprie parole.

2. pomeriggi di ascolto, riflessione; letture delle scritture, discussione e approfondimento, parleremo sul senso della radice delle parole, dove le trovo, in me o fuori di me, nella musica e nei suoni, come le uso, dove le applico, come faccio a non renderle ripetitive, noiose; come, attraverso il tempo della punteggiatura, tempo della narrazione, le rendo fiato che dal mio corpo di scrittore passa al corpo del lettore. Come, a partire dal proprio tempo interiore, -lo scrittore che “inventa e crea”- si determina il tempo della lettura e dell’ascolto.

Costruzione di uno spazio interiore che possa sopportare il tempo della scrittura che può impiegare mesi e anni. L’allenamento necessario, lo spazio, i quaderni, l’agenda. Come  si sceglie, come si lima, cosa si lascia.

Ci saranno due o tre incontri giornalieri di differente durata (singoli o plenari) con lo scrittore Enzo di Pasquale che  stimolerà i partecipanti  ad esplorare l’ambiente, alla scoperta dei personaggi e a incrociare l’ispirazione per raccontare.

Il corso sarà diviso in quattro momenti:

1) imparare ad ascoltare e osservare l’ambiente

2) riconoscere il personaggio

3) dare voce al personaggio e intrecciare una trama.

4) scrivere un racconto

L’intenzione sarà di seguire il vento che si leva per ognuno, e di aiutare ciascuno ad orientare le proprie vele per prendere il largo. Sarà dato molto spazio ai tempi e ai ritmi individuali proprio perché siamo in un’isola e possiamo imparare a non stressarci perseguendo un obiettivo ma piuttosto a lasciar germogliare le ispirazioni.

Materiale indispensabile taccuino e penna; consigliabile ipad o computer portatile.

Enzo Di Pasquale — Scrittura