Acquerelli di allievi – Schinoussa 2016

L’acquerello ha il potere di regalare momenti di pace e di rilassamento,

insegna a cogliere sfumature  e trasparenze, ad affidarsi alla imprevedibilità dell’acqua e a lasciarsene sorprendere.

Le regole sono semplici e fondamentali ma l’acquerello richiede un rapporto tra

la nostra energia e quella dell’acqua che si muove, si ferma, e non sempre obbedisce!

E quello che ne scaturisce è sempre qualcosa di nuovo e di inaspettato.

Accogliere questa imprevedibilità è un modo per ritrovarsi e non importa quello che si vuole, importa ciò che si permette che avvenga, spesso molto più prezioso del nostro solito orizzonte.
Ci saranno  incontri di gruppo   quotidiani (2 o 3 ore) e supervisioni individuali.

ACQUERELLO A TILOS 2018

COMPAGNI D’AVVENTURA,SIETE PRONTI?
Di che colore e’ un tramonto?
No,non arancione
La mente semplifica,censura,fa la media
Le mille fumature,le densita’ di ombra e luce,i rapporti tra linee evolumi, tutto viene livellato,noi stessi compiamo quotidianamente migliaia di censure visive per orientarci in fretta,per comodita’,per convenzione

Per poterci esprimere artisticamente dobbiamo liberarci dalle pretese razionali,il processo artistico necessita di altro sguardo e di altre direzioni e
noi ce la metteremo tutta per disattivare le interferenze razionali e ,attraverso esercizi,lavori ed esperimenti proveremo a ritrovare lo sguardo libero e audace che ci apparteneva di diritto!

(Il materiale verrà fornito dall’organizzazione).

Elena Giorgio — Acquerelli